Come Coltivare gli Asparati

Per piantare gli asparagi, scegliete una zona che in autunno abbiate già arricchito di composto per giardino o di letame e sminuzzate il terreno.

Comprate poi delle zampe di asparagi (si chiamano proprio così: la nostra Rosa Canina è già molto preoccupata che, con tutte quelle zampe, possano scappar via!). Scavate delle fossette larghe 35 centimetri, profonde 25 centimetri e distanti tra loro 1,30 metri. Mescolate la terra tolta con sabbia grossolana e riversatene dentro un piccolo cumulo alto circa 10 centimetri (quindi, più basso di 15 centimetri rispetto al terreno). Questa operazione serve per garantire la giusta aerazione delle radici. Tenete presente che gli asparagi, pur prediligendo i terreni sabbiosi, si adattano anche ad altri terreni purché siano ben drenati.
Disponete le piantine con le radici ben aperte, a 30 centimetri l’una dall’altra, e coprite le radici con un po’ di sabbia sminuzzata. Il resto della buca sarà riempito più tardi, quando la piantina sarà già più cresciuta.

Seminare gli asparagi

Naturalmente si può anche partire dai semi di asparagi: per seminare gli asparagi aspettate marzo/aprile, sistemate i semi in buchette profonde 2 centimetri e distanziate 35. L’anno seguente potrete sfoltirle e trapiantarle.
Seminare gli asparagi però non è la via più rapida: per i primi due anni di vita, infatti, non si raccoglie nulla. Solo dal terzo anno si può cominciare la raccolta degli asparagi, ma soltanto per 5 settimane, mentre dal quarto anno si comincia la raccolta standard di 6 settimane.

Raccogliere gli asparagi

La raccolta degli asparagi si fa quando i turioni (così si chiama la parte che si mangia) sono alti 8-10 centimetri: dopodiché, l’asparago diventerebbe legnoso e immangiabile.
Per raccogliere gli asparagi, tagliare appena sotto il terreno, con un coltello ricurvo. Se volete conservarli, potete immergerli per qualche ora in acqua gelata, oppure metterli in frigorifero o nel congelatore, a seconda di quanto tempo pensate di aspettare prima di consumarli.

Terminata la raccolta degli asparagi, lasciate crescere liberamente i turioni, sostenendoli con dei paletti. In estate, asportate i frutti delle piante femminili, e in ottobre, quando le foglie diventano gialle, tagliate i fusti a livello del terreno. In aprile compariranno i nuovi getti.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto