Come Pitturare le Pareti

Quante volte ci è venuta la voglia di cambiare il colore di una stanza ma il costo del lavoro ci ha fatto desistere? In questa guida vi spiego come fare,spendendo veramente poco.

Cosa serve
pittura
stucco
pennello
carta vetrata
colori per pittura

Per prima cosa,vi sonsiglio di incartare porte e finestre,in questo modo eviterete lavoro inutile per le pulizie. In un secondo momento,liberiamo la stanza dai piccoli oggetti,sedie,tavoli e tutto ciò che è possibile spostare facilmente.

In presenza di un armadio di grandi dimensioni,andrà spostato al centro della stanza. Copritelo per evitare che si sporchi. Un lenzuolo andrà benissimo. Ultima cosa,smontiamo il lampadario solo nel caso volessimo pitturare anche il soffitto.

Controlliamo ora le pareti,in presenza di buchi o piccole crepe, li andremo a riempire con del semplice stucco per pareti. Si vende in piccole confezioni e va impastato con acqua.
Passiamo lo stucco su tutti i buchi e le crepe, lasciamolo asciugare per qualche ora per poi passarci su della carta vetrata,per eliminare lo stucco in più, più rifiniremo le pareti prima di pitturare, meglio sarà il lavoro finale.

Una volta preparate le pareti, procederemo con la pittura. Ne troviamo sono molti tipi,tempera,lavabile,quarzo. Un lavabile di media qualità andrà bene. La pittura lavabile va diluita con acqua a circa il 20%. 10 litri di pittura ci vanno 2 litri d’acqua.
In ogni caso,le dosi vengono quasi sempre riportate sulla confezione.mescoliamo sempre bene prima di pitturare,con un pezzo di legno o qualcosa del genere, questo perche l’acqua tende a separarsi dalla pittura.

Ora coloriamo la nostra pittura. In commercio ci sono dei concentrati di vari colori al costo di pochi euro,poche gocce in un fusto di pittura cambiano di parecchio il colore.
Di solito bastano due mani di pittura per completare il lavoro, l’una a distanza di qualche ora dall’altra. Facciamo la prima mano in modo da regolarci sulla quantità di pittura da usare.
Infatti non è facile riprodurre la stessa tonalità di colore,quindi nella seconda mano, quella definitiva, dovremo utilizzare solo la pittura che abbiamo preparato, non potremo “allungarla” con dell’altra.
Allora nel caso che nella prima mano avessimo consumato più della metà della pittura a nostra disposizione, prima di iniziare la seconda,prepariamo la pittura in quantità necessaria a completare il lavoro. Per l’operazione è possibile utilizzare un pennello o un rullo per pittura.

Questo serve per fare in modo che la mano finale sia di un unica tonalità.
Quando stendete la pittura col pennello, assicuratevi di andare sempre nello stesso senso. Il risultato migliore viene pitturando in senso orizzontale,cioè col pennello dovremo fare un movimento da sinistra verso destra o viceversa e non dall’alto verso il basso.

Girate ogni tanto la pittura mentre la usate. Un altro consiglio che vi posso dare, è quello di bagnare il pavimento prima di iniziare a pitturare, in modo che le gocce che sicuramente cadranno a terra, non aderiscano e di conseguenza le potrete pulire con estrema facilità.

Una volta completato il lavoro, facciamo areare la stanza almeno per un giorno prima di rimettere a posto i mobili, il lampadario e tutto il resto.
Tutta l’operazione vi costerà all’incirca 60 70 euro, comprensivo dei colori, di una pennellessa e della pittura. Potrebbe lievitare leggermente nel caso acquistassimo una pittura al quarzo ma comunque di molto inferiore a quello che ci costerebbe chiamaare un imbianchino.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto